close
Menu

I nuovi trattori compatti John Deere: conformi allo Stage V

John Deere ha annunciato una serie di aggiornamenti alla propria ampia gamma di trattori compatti per il 2020, che comprende 13 modelli e sei serie da 25 a 66 CV. Il principale cambiamento è stato dettato dalle ultime normative europee Stage V in materia di emissioni, volte a limitare le emissioni di particolato ultrafine in tutti i motori oltre i 25 CV (19 kW). Il particolato ultrafine ha un diametro inferiore a 0,1 micron, 700 volte più piccolo di un capello umano.

I trattori compatti John Deere con una potenza nominale pari o inferiore ai 25 CV come il 1026R e il 2026R rimangono invariati, mentre il nuovo 3025E soddisfa già gli standard richiesti. Altri modelli della serie 2R e 3R sopra i 25 CV adottano un nuovo motore diesel Yanmar Serie TNV a tre cilindri da 1,6 litri caratterizzato da un'elevata riserva di coppia, in grado di erogare potenze elevate sotto carichi importanti. Il propulsore utilizza le più recenti tecnologie motoristiche per ottimizzare i consumi di carburante, il controllo e la precisione, riducendo al contempo l'impatto ambientale e i costi operativi, è provvisto di iniezione common rail (CRS) e di una centralina elettronica (ECU) che monitora in tempo reale i parametri operativi del motore regolando l'erogazione del carburante per garantire prestazioni ottimali. Il nuovo sistema di post-trattamento del motore è costituito da un filtro antiparticolato (DPF) e un catalizzatore di ossidazione (DOC) simile a quello utilizzato con successo sui trattori agricoli John Deere, che riduce automaticamente le emissioni di gas di scarico e i livelli di rumorosità soddisfacendo gli attuali standard Stage V.

Al top della gamma di trattori compatti John Deere, i nuovi 4052M e 4052R adottano ora un motore più grande a quattro cilindri da 2,1 litri con DPF, lo stesso già montato sui più grandi 4066M e 4066R, che rimangono invariati, mentre a molti dei trattori serie 2R e 3R più piccoli è ora assegnata una nuova denominazione. Oltre al nuovo motore, i trattori compatti Serie 3R e 4R saranno dotati di una nuova funzione eThrottle integrata nella collaudata trasmissione eHydro, progettata per rendere il trattore più silenzioso e più comodo da usare oltre che più efficiente nei consumi. Con la semplice pressione di un pulsante la gestione del regime di giri del motore viene comandata dalla posizione del pedale della trasmissione, in modo che sia i giri che la velocità del trattore possono essere aumentati quando quest’ultimo viene premuto.

I più recenti modelli della Serie 4R ora possono essere equipaggiati con il ricevitore satellitare StarFire e il sistema di guida automatica universale AutoTrac, progettato per aiutare gli operatori a raggiungere livelli di precisione più elevati e risparmi sui costi quando si lavora con attrezzi come irroratrici, seminatrici e spandiconcime. Su alcuni modelli, il pluripremiato sistema Hitch Assist rende più rapido, semplice e sicuro l'aggancio di attrezzi e rimorchi al sollevatore posteriore del trattore o all’attacco a tre punti. Grazie a questa soluzione gli interruttori esterni montati sul parafango posteriore consentono all'operatore di spostare il trattore avanti e indietro ad una velocità massima di 12 mm/secondo, e di alzare o abbassare il sollevatore secondo le necessità. Altre caratteristiche tecniche avanzate dei trattori compatti John Deere includono le modalità operative LoadMatch, MotionMatch e SpeedMatch, che offrono la massima versatilità in una vasta serie di applicazioni per trattori, e una vasta scelta di piatti di taglio rotativi AutoConnect.

Le versioni cabinate della nuova gamma 2020 di trattori compatti John Deere sono già ordinabili presso i rivenditori di Regno Unito e Irlanda, mentre i modelli senza cabina saranno disponibili da ottobre